Il senso delle cose

Abbiamo accolto diversi nuovi pezzi nella nostra collezione dedicata alle opere concettuali. Nuove tele che spaziano dall’astratto informale al surreale, prodotte dai moti di libertà più estremi che caratterizzano alcuni dei nostri artisti particolarmente versati nella produzione di opere distanti anni luce dalla realtà tangibile, a volte ben oltre il confine del riconoscibile. Lasciamo parlare la selezione di tele (tutte nuovissime) che abbiamo scelto di pubblicare in questa gallery.

5 gatti in diverse colorazioni di Clênio Marcio Ventura è un gioco, una distorsione surrealista dell’immagine del felino. I gatti rappresentati in quest’opera vengono smitizzati, privati della loro naturale eleganza, razionalizzati, reinterpretati e riprodotti secondo il concetto personalissimo che il nostro autore ha di loro.

3 foglie di acero di Dawn Marie Smith è un’opera decisamente decorativa. Una natura morta surreale quella che si vede tra foglie d’acero fluttuare su una pozza di luce abbagliante. L’esecuzione tecnica della nostra Dawn Marie è impeccabile (notevole la gestione della luce in trasparenza).

Esplosione di rosa è il modo di Tom Yendell per concettualizzare la sua passione sfrenata per i soggetti floreali, una vera e propria deflagrazione di rosa e lilla, fuochi d’artificio ben organizzati nello spazio.

Persone sotto gli ombrelli tra le case è una delle opere più affascinanti di Walery Siejtbatalow. Si tratta di un istante rubato a una giornata di pioggia osservata attraverso un vetro bagnato, attraversato da rivoli d’acqua. Una tela che si dispone sul confine tra impressione e visione, tra forme e dettagli inghiottiti dalla luce.

2 Discoboli tra i fiori e una casa di Theodor Ludwig Botha è un abbinamento onirico che ci permette di affacciarci sul sogno di un giardino, un’immagine scaturita dall’inconscio dell’autore.