Un pettirosso nel giardino

Si notano d’inverno questi piccoli, vivaci uccelli dei giardini e dei boschi. Tronfi e paffuti con il loro petto rosso saltellano di ramo in ramo, da una siepe a un albero, per annunciare a tutti chi comanda nel territorio. Battaglieri e simpatici per i nostri pittori diventano guizzanti macchie di colore da immortalare su tela, ma persino una volta catturati dal pennello sembrano voler saltare fuori qua e là, tanta è la vivacità che trasmettono all’osservatore. Dedichiamo questa galleria allo spiritello dell’inverno per eccellenza.

Elodie Cazes adora il tema naturalistico e non perde occasione per rappresentare animali nei suoi dipinti come nel suo Una lepre e un Pettirosso in inverno. Un momento di vera e pura natura europea: due pettirossi saltellano sui pali e sul filo spinato che tracciano il confine di un campo mentre una lepre guardinga fa capolino dal manto nevoso. C’è vita nelle pianure invernali.

L’acquerello è una delle tecniche preferite dai pittori naturalisti per il suo essere istantaneo, veloce ed evocativo. Pettirosso in inverno di EddaHeidrun Backman è un classico esempio di “appunto naturalistico”, di immagine rubata.

David L. Cawthornenel suo Pettirosso sul ramo si è preso invece tutto il tempo necessario per rappresentare un paesaggio innevato in cui la nota di colore, il punto di contrasto è dato proprio da quel piccolo pettirosso posto, tronfio, al centro della scena.

Tre pettirosso sul ramo coperto di neve di Triantafillos Iliadis è un esempio di quanto ami scendere nel dettaglio il nostro pittore anglo-ellenico. Notate il piumaggio dei tre uccelletti rappresentato con dovizia di particolari, attraverso la stesura di fitte, sottili pennellate. Una tavola quasi didascalica, una raffigurazione carica di veridicità visiva.

Pettirosso sul ramo con bacche viola di Markus Kostka chiude la nostra galleria, lasciandoci in ricordo un accurato acquerello che ben raffigura il protagonista pennuto della nostra carrellata, in tutto il suo splendore con il petto infuocato e le penne del dorso e del capo tra il verdone e il blu.